Guarnizioni per frizione -BGM PRO Ø=108mm- Tipo Honda CR80 modificato per frizioni Vespa tipo Cosa2/FL (1992-), PX (1995-), Superstrong, Scooter & Service, MMW – 4 dischi

Upgrade per le frizioni per Vespa Cosa 2!

Più potenza, più coppia, più tutto… Questo è quanto offrono i nuovi motori sul genere Malossi MHR221, Quattrini M232 & Co.
Il concentrato di coppia di questi motori deve arrivare anche su strada, in un modo o nell’altro.
La frizione è quindi una delle principali interfacce tra il “maglio a vapore” e la strada.

Superstrong CR 050

Deve svolgere uno dei compiti più difficili nel motore. Da un lato, ogni più piccola frazione di coppia deve essere trasmessa al cambio con un minimo di perdite e, dall’altro, affidabilità, durata e facilità di manovra devono essere garantite.

Finora per le frizioni della Vespa la regola era che maggiore era la potenza, maggiore era la resistenza delle molle delle guarnizioni in sughero.
Ma una frizione così “migliorata” necessita di uno sforzo erculeo nel manovrarla. Tirare la leva della frizione è pesantissimo – e quindi questa non è una buona soluzione…

Affinché la frizione assicuri l’avanzamento in modo duraturo, nel caso di potenze del motore superiori a 35 CV bisognerebbe incrementare la forza elastica e la coppia risultante in modo che la pressione di contatto delle guarnizioni in sughero raggiunga il limite.
In caso di pressioni elevate, il sughero, un materiale naturale, inizia a comportarsi come una spugna, incidendo così sul punto di innesto e sul comportamento della frizione. Ne consegue un sovraccarico del materiale dovuto alla deformazione plastica, alla coppia agente e al carico meccanico concomitante con l’attrito radente. Se, per effetto di questo carico elevato, il sughero scivola, e quindi la frizione slitta, la superficie della guarnizione si brucia e il materiale non aderisce più al disco di acciaio.

Belagset Honda 002

Ma, allora, come si fa a ottenere una frizione ben funzionante con forze di azionamento ridotte e una coppia trasmissibile elevata?
L’unico rimedio è cambiare il materiale delle guarnizioni, scegliendone uno con un miglior coefficiente d’attrito, e affidarsi dalla fisica…

Il materiale delle guarnizioni utilizzate per le motociclette è molto resistente. Purtroppo queste guarnizioni non si adattano direttamente alle frizioni per Vespa ma devono essere lavorate, come ad esempio quelle per la VFR400 e la Honda CR.

La lavorazione consente di montare le guarnizioni, senza che siano necessarie ulteriori modifiche, ai componenti presenti nelle note frizioni per Cosa.
La guarnizione superiore deve fungere da disco di copertura, come in una normale frizione per Cosa.
Per fare spazio all’anello di fermo, questa guarnizione viene lavorata anche sul lato superiore.

Belagset Honda 005

Le guarnizioni stesse e la lavorazione necessaria modificano l’altezza totale del pacchetto di guarnizioni. Le guarnizioni CR sono un po’ più piatte delle guarnizioni in sughero originali Piaggio.
Per compensare questa misura e conferire maggiore stabilità alla guarnizione superiore, è possibile inserire un disco di rinforzo.
Quando si trasformano una Superstrong o una frizione per Cosa tradizionale, bisogna verificare caso per caso se il disco distanziatore è assolutamente necessario. Superstrong CR 045

Belagset Honda 003

Il supporto per le guarnizioni CR è in alluminio altamente resistente e nettamente più spesso del supporto in acciaio utilizzato nel caso delle tradizionali guarnizioni in sughero.
Questo consente di aumentare la resistenza dei nasetti alla rottura sul tamburo della frizione. Se, tuttavia, le molle degli antivibranti nell’azionamento primario si rompono o vengono meno, neanche i naselli larghi delle guarnizioni sono di grande utilità. I picchi di forza vengono trasmessi senza impedimenti alla frizione. In tal caso può risultare utile un set di antivibranti rinforzati.

I nasetti rinforzati delle guarnizioni CR aderiscono anche su una superficie maggiore nel tamburo della frizione della “variante per Cosa” della Superstrong.
Qui un confronto con una guarnizione per Cosa Piaggio. A sinistra la guarnizione CR adeguata – a destra la Piaggio Cosa. Belagset Honda 008

Guardando le guarnizioni CR viene da chiedersi: “Perché una guarnizione tanto più piccola e piatta può funzionare meglio della guarnizione in sughero più grande?”.
Oltre al materiale con un migliore coefficiente d’attrito, la chiave è “raggio più efficace”.
Quindi, sono fondamentali il diametro esterno insieme con l’altezza della guarnizione e il raggio risultante.

Belagset Honda 012

Questo significa che, a parità di diametro esterno, il braccio della leva, contrapposto alla coppia agente sul mozzo, è più lungo, perché il centro della guarnizione è più distante dal punto di rotazione dell’albero. In fin dei conti, è il principio della leva puro e semplice. Per la guarnizione è “più facile” fare fronte alla coppia introdotta, poiché si trova sulla leva più lunga.

Quindi, da un lato la solita fisica onnipresente e dall’altro il tipo di materiale consentono, a parità di forza di trazione, di trasmettere una coppia più elevata a una frizione con guarnizioni CR. I set di guarnizioni sono compatibili con tutte le frizioni per Cosa 2. Anche una Superstrong può essere facilmente ammodernata o assemblata.

Un set di guarnizioni CR consente una frizione con disinnesto pulito e libero già con una corsa della leva molto ridotta. Inoltre, questo materiale permette di cambiare le marce con semplicità e sicurezza anche a numeri di giri elevati. Quale lubrificate per queste guarnizioni consigliamo un olio con le specifiche Jaso- MA / MA2 o API GL-4.
Ad esempio, il Valvoline 10W40 MA2.

Il set di guarnizioni è disponibile con e senza dischi in acciaio:

Per trasformare una normale frizione per Cosa, consigliamo anche un set di molle rinforzate:

BGM8800A – Set di molle per frizione -BGM PRO XL- Vespa Cosa2 – 8 pezzi

BGM8801A – Set di molle per frizione -BGM PRO XXL- Vespa Cosa2 – 8 pezzi

This post is also available in: Deutsch English Español

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento